venerdì, agosto 31, 2012

-noi, ma-

giovedì, agosto 30, 2012

-ci sentiremo-

mercoledì, agosto 29, 2012

-non quando-

martedì, agosto 28, 2012

saremo noi-

lunedì, agosto 27, 2012

"Che fine hai fatto?" disse lo scrittore

questo treno è bellissimo.


con lui vi saluto in quest'ultimo post, prima di un'altra settimana di assenza. 

domenica, agosto 26, 2012

non c'è verso di ricordarsi di non dimenticare

sabato, agosto 25, 2012

Salva, Anteprima, Esci

ora che è morto uno dei pionieri, tra tutti i classici articoli, flash, titoloni, mi aspettavo un gran bel post di addio da Paolo, che a queste cose ci tiene. ecco, infatti.

venerdì, agosto 24, 2012

Non far niente non è pigrizia, è nobiltà d'animo nel conferire ad ogni cosa la stessa importanza

se smettete di smettere non avrete più tempo per fare, tutto, vi troverete ricoperti di attività fino a diventare dei grassi tuttofare. non dovete però fare il contrario, cioè iniziare ad iniziare, bensì limitare le vostre mani ciccione ed ingorde a pochi ma buoni (e convenienti dolcetti), anche se un po' appiccicosi. detto questo, fracassatevi il computer sulla testa.

giovedì, agosto 23, 2012

Non c'è tempo per rivivere

visto piccole bugie tra amici, voto otto.

mercoledì, agosto 22, 2012

Capitare


martedì, agosto 21, 2012

Dopo un'ora di Primus si pisciano trottole

leggo una recensione di un EP e trovo questo periodo:

"...poi motorismo electrokrauto ricamato di orrientalismi elettrici e miraggi cameristici, infine meditazione rumoristica tra svaporate androidi (vagamente Eno) e docili fantasmi di piano, mentre la seconda [canzone] sembra più un bozzetto basale che alterna momenti più ruspanti ad un allibente cuore dance come un lalleggio moroderiano di Madonna."

ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha.


devo citare la fonte? e se poi s'inca***no e mi danno del diffamatore str***o che prende per il c**o e non capisce un ca**o di musica o simili?
boh, io leggevo qui (il disco in questione secondo me è bellino, scaricatelo qui).

lunedì, agosto 20, 2012

Perdere, prendere una strada

adesso rientreranno tutti ed io invece partirò, uscendo al momento giusto, quando il caldo inizia a calare. arriverò finalmente sul mare, al momento giusto, e mi si aprirà di fronte il blu in cui bagnarmi, con la benedizione della lunga attesa. il vento inizierà a tirare, al momento giusto, sollevando una leggera brezza fresca che renderà il tutto ancora più godibile, ancora più rilassante.
sarà lì allora che, al momento giusto, mi esploderà la testa.

domenica, agosto 19, 2012

ancora, ancora dimenticanza

sabato, agosto 18, 2012

Vincere perdendosi

nel momento in cui nasce la confusione, cresce il piacere di non sapere né voler sapere dove essa andrà, e si spegne il senso dell'ordine, per alcuni smisurato, che impone di rimettere tutto immediatamente a posto. il caos invade lo spazio e lo sovverte, mangiando pezzi di tempo fino ad inghiottirlo tutto, lasciando a vivere dentro un'isolata bolla. dalla durata indefinita, dai risvolti incalcolabili.

venerdì, agosto 17, 2012


giovedì, agosto 16, 2012

Da un certo punto di vista, possiamo fare di meglio, peggiorando

(segue)
è come se queste ore le avessero messe lì dal nulla, aggiunte in più in un intervallo di tempo che non esiste, che non dovrebbe esistere, ma che tutti si ricorderanno.

mercoledì, agosto 15, 2012

All'improvviso, poco alla volta

guardiamo la vallata in silenzio, in attesa degli spari. a mezzanotte ci saranno, perché ci sarà il segnale, e tutti inizieranno a correre, e la guerra ricomincerà. la campana sulla collina scandirà i rintocchi del nuovo giorno, rompendo la tregua. l'aria è stanca, la settimana passata non ha permesso il riposo, ma aumentato l'ansia. si ricominceranno a vedere i lampi, le esplosioni, e gli uomini riprenderanno a tornare quassù, a nascondersi.
perciò aspettiamo, soli, in due, contadini senza arte né parte. aspettiamo, mentre i grilli cantano ed accentuano i secondi vuoti. ecco, din don. din don. è ora, adesso riparte tutto.
e invece non succede nulla, la valle continua a dormire come se nulla fosse. e così tranquilla, tranquillizza anche noi, non più preoccupati, perché la guerra ricomincerà, certo, ma ci avrà regalato almeno un altro minuto di pace.

martedì, agosto 14, 2012

Serial living

faccio roteare in aria il mio marsupio, lanciandolo sempre più in alto. riesco sempre a riprenderlo al volo, dunque mi sento sicuro, e così aumento la forza. inizio a prenderci gusto e nel frattempo continuo a camminare, euforico come se avessi scoperto chissà quale talento. poi faccio un tiro troppo alto, che mi obbliga a fermarmi per riacchiappare il marsupio.
in quel mentre mi accorgo che un gatto nero mi sta fissando, e mi sento immediatamente uno stupido.

lunedì, agosto 13, 2012

La parziale incontrollabilità del rimanere impassibili

riconoscersi consiste in due semplicissime azioni: guardarsi e, nel caso, riconoscersi o meno. dico "nel caso" perché potreste non avere gli occhi, e dunque non vedreste la vostra immagine riflessa. in tale circostanza, il riconoscimento avverrebbe attraverso altri organi, ma oggi si parla solo ed esclusivamente di vista. Windows.

domenica, agosto 12, 2012

completatotaledimenticanza.

sabato, agosto 11, 2012

venerdì, agosto 10, 2012

You can't make everyone happy

rifiuto, indignazione, disprezzo. "siamo costretti a nasconderci" mi fa, rinchiusi in un'accogliente mansarda al terzo piano di una casa un po' lontana dal centro città.
è vero, la situazione lo grida silenziosamente. siamo a parlare di noi, quei noi che nessuno deve scoprire, che devono rimanere lì dove sono, nascosti e rinchiusi.
ma invece ci troviamo, ogni tanto arriva qualcun altro, qualche faccia nuova che ci dà forza e ci fa riflettere. siamo tutt'intorno a voi, che ostentate una lontananza che spesso appare come una repressa parentela.

giovedì, agosto 09, 2012

l'accensione che impedisce l'utilizzo.

mercoledì, agosto 08, 2012

SenzaSpendersiSiStagna

who rises?
the Dark Knight?
no. Spiderman.

martedì, agosto 07, 2012

I fecondi tempi morti dell'improduttività

"vai a letto prima, la sera, che poi la mattina sei stanco e rincoglionito"
"non mi riconosco"
"per forza, guardati, hai delle occhiaie livide"
"non intendo quello, so di essere io"
"e allora?"
"è lo specchio...ha qualcosa di strano"
"è il muro quello"
"ah ecco."

lunedì, agosto 06, 2012

Solari lunatici

inspiration on other one's pure music
hearts melting without fire
the same feeling is impossible
the personal one is now the only wanted
è così profondo e semplice
non occorre la canzone miliardaria
è sufficiente
la possibilità di connettersi.

domenica, agosto 05, 2012

Quanto uccide l'autosuggestione

quando due s'incontrano uno vede prima l'altro o viceversa, mai il contrario.
ventate fresche portano sollievo durante le giornate senza vento fresco.
ostacoli ostacoli ostacoli ostacoli ostacoli ostacoli ostacoli ancora.
contare al contrario è decontare, decantare invece lo fa il vino.
sette e settantasette Euro valgono quanto una capra-bue.

zoppicando, si corre pure, ma zoppicando.
senza niente non si può prendere tutto.
le sveglie hanno l'uomo in pugno.
niente autoradio sulle moto.

vivido, vivo e livido.
proseliti, prosit.
xxxxxxxxxx.

sabato, agosto 04, 2012

venerdì, agosto 03, 2012

1000

avevo promesso a Ser Garfioldo che il titolo del post di oggi sarebbe stato suo, in quanto mi aveva giusto inviato un'arguzia per sms. essendo però il millesimo post, e volendo rispettare entrambe le mie usanze da bloggatore  (che prevedono sia il numero del post come titolo nel caso questo sia un multiplo di 50, sia che i motti di Ser Garfioldo abbiano diritto ad una quanto più immediata pubblicazione) riporterò la frase qua sotto.

"Dalla paella alla brace, disse la cozza"


ecco quanto.

giovedì, agosto 02, 2012

Vai a farti fondere

una cosa del tutto nuova, da oggi, sarà lo scrivere dal 2 agosto 2012 in poi. mai fatto prima, incredibile. oltretutto, potrebbe darsi che, proprio adesso, in qualche parte del mondo, un cane stia afferrando una pallina coi denti, ma non il contrario. incredibile anche questo. vuoi per la casualità, vuoi per gli alieni (già, ma esistono gli alieni?), tutto non vai mai completamente come dovrebbe andare. l'approccio matematico dà sicurezza e permette una utile approssimazione, ma è inconciliabile con la realtà.
forse l'ultima frase stona un po', quindi immaginatevela detta con le scurregge.

mercoledì, agosto 01, 2012

Accorgersi di non pensare, e dunque, pensare

Matricole & Meteore va in replica su Italia 1. o io ho avuto un cattivo tempismo, o in qualunque momento lo si guardi sono sufficienti 10 minuti per farlo sprofondare negli abissi più reconditi della bassezza televisiva (ed umana). un esempio?
Giorgio Mastrota vestito da Cangurotto che picchia Claudio Lippi.
oddio, questo, di per sé, potrebbe anche risultare tanto gustoso quanto deficiente e nonsense. il problema è che poi ha afferrato una ragazza ed ha iniziato a mimare un amplesso da dietro, senza lasciarla scappare.
stupro televisivo in fascia protetta perpetrato da un pupazzo. magnifico.

ma questo è un blog letterario, parliamo d'altro. altro non è che non questo. cioè il blog, che è letterario. no, nemmeno. geghe geghe geghe gé.